Clubhouse: il nuovo social network dove la voce è padrona

Clubhouse è l’ultimo di una lunga serie di social network che si sta affermando nel panorama mondiale. Più precisamente, viene definito come social-audio o social network vocale vista la sua peculiare caratteristica di focalizzarsi esclusivamente sul potere della voce, che, escludendo la presenza di video e immagini, fa da padrona. 

Clubhouse potrebbe essere considerato un ibrido tra i vecchi forum di discussione e i più attuali podcast. Si potrebbe quasi affermare che dall’unione delle due caratteristiche principali dei podcast e dei forum di discussione, sia nata l’idea di un social basato sull’utilizzo della voce e sulla possibilità di confrontarsi con persone che non si conoscono. Clubhouse ha fatto suo il carattere di democratizzazione, tipico dei forum, e ha posto al centro la voce, tipico dei podcast.

Paul Davison e Rohan Seth, fondatori di Clubhouse, hanno spiegato che il loro scopo è quello di costruire un’esperienza social che venga percepita come più umana, dove invece di postare ci si riunisce con altre persone per parlare, per vivere un’esperienza positiva, incontrare nuove persone e imparare qualcosa di nuovo.

Per poter accedere a Clubhouse, attualmente presente solo nell’ecosistema Apple, non è sufficiente scaricare l’applicazione e iscriversi ma è necessario essere invitati da un membro. Nel caso in cui non si abbia ricevuto un invito è possibile effettuare una “pre-registrazione” per assicurarsi il proprio nome utente. La “pre-registrazione” invia anche una notifica a tutti i tuoi contatti, i quali hanno solo 2 inviti, così che possano invitarti ad entrare.

Un aspetto distintivo riguarda il fatto che Clubhouse è strutturato in differenti “Room” create a seconda degli argomenti su cui si vuole discutere. Questo permette agli utenti di accedere solo alle stanze virtuali a cui sono realmente interessati a patto che siano “Open”, ovvero aperte a tutti. Oltre alle “Open Room”, esistono altre due tipologie di stanze virtuali: “Social” dove possono accedere solo le persone che si seguono e poi “Closed” dove si può accedere solo tramite invito.

Una caratteristica peculiare di Clubhouse è il fatto che le conversazioni, che avvengono all’interno della Room, non vengono registrare e non è quindi possibile riascoltarle in un secondo momento. Questo avvicina ancora di più l’idea di come l’applicazione voglia incentivare la conversazione, e non solo l’ascolto, facendo intervenire tutti i partecipanti per esprimere le loro opinioni riguardo all’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *