Il Potere delle Storie: lo Storytelling come arma per una Startup


Le storie aspettano solo di essere raccontate

Lo Storytelling è l’arte più antica della storia. C’è sempre stata.

I miti, le opere teatrali o le favole che ci raccontavano da bambini sono solo alcuni esempi di come l’uomo sin dall’antichità si sia sempre servito di Storie per trasmettere al prossimo un messaggio o un insegnamento.

Il cervello umano infatti è sempre stato attratto dalle storie, che servono ad informare e emozionare il pubblico senza annoiare e mantenendo alta l’attenzione.

Le Startup, nella loro fase iniziale, devono sfruttare le tecniche narrative per coinvolgere e creare legami con il proprio target trasmettendo idee e contenuti in modo diretto e appassionante. Devono sfruttare lo Storytelling.

Ma lo Storytelling, inteso come tecnica e strategia di marketing per veicolare contenuti, non si può ridurre alla mera azione di “raccontare una storia”.

È una vera e propria metodologia scandita da regole ben precise che segue una determinata struttura che tutti gli startupper dovrebbero aver ben chiara in mente.

Dietro a ogni prodotto/servizio, dietro a ogni Startup c’è sempre una storia che aspetta solo di essere raccontata, ti spiego come fare.

What’s your story?

Per realizzare uno Storytelling vincente la prima cosa da fare è capire quale contenuto si intende veicolare e soprattutto a chi. Prima di creare la tua storia quindi capisci chi è il tuo target di riferimento e quale insegnamento vuoi trasferirgli.

Nella realizzazione delle tue storie sii sempre coerente con i valori del tuo brand così da apparire credibile e riconoscibile dai tuoi followers.

Il tono con cui racconti le tue storie deve essere accattivante e coinvolgente ed è importantissimo che il flow della narrazione sia chiaro e facilmente comprensibile da chiunque.

Controintuitavamente il messaggio che si intende trasferire non dovrebbe essere comunicato esplicitamente ma deve essere nascosto nella dinamica degli eventi che compongono la storia. Così facendo saranno direttamente i nostri seguaci a scoprire e a capire, seguendo la storia, l’insegnamento che vogliamo trasmettere e di conseguenza quest’ultimo si fisserà meglio nella loro mente.

È chiaro quindi che ogni storia cambia in base ai valori del brand, al pubblico di riferimento e al messaggio. D’altra parte però lo Storytelling marketing segue una struttura ben precisa da prendere come riferimento per rendere le proprie storie efficaci.

La struttura dello Storytelling

Uno Storytelling vincente è composto da diversi elementi imprescindibili che consentono di trasmettere efficacemente un determinato messaggio:

  • L’EROE

Questo può essere un Avatar, un oggetto animato o un cartoon che dovrà iniziare una nuova avventura per uno scopo ben preciso.

  • LA SFIDA/OBIETTIVO

Il secondo elemento è proprio l’obiettivo per cui il nostro eroe ha iniziato il proprio cammino. Questa sfida deve apparire chiara e comprensibile a tutti. Di solito è proprio qui nella sfida/obiettivo che è celato il messaggio che si intende trasferire al proprio pubblico.

  • L’AVVERSARIO

“Every story needs a conflcit”. Ci deve essere sempre un antagonista che ostacola e mette alla prova il nostro personaggio. Un nemico da affrontare crea sempre empatia e coinvolgimento in chi ascolta la storia.

  • L’AIUTANTE

Come in ogni storia immancabile è l’aiutante. Molto utile è far diventare aiutanti i tuoi Follower, cioè il tuo target di riferimento. Tutto ciò porta a coinvolgimento e interazione. È proprio qui che persuaderai chi ti segue a compiere l’azione desiderata. Lui la compirà inconsciamente per aiutare l’eroe a compiere le sue sfide.

  • Il GRAN FINALE

Mai dimenticarsi del momento in cui la sfida si conclude e l’eroe raggiunge il suo scopo. È molto Importante perché fa sentire utile il follower per aver partecipato al raggiungimento di un obiettivo.

Intendo fornirvi un esempio concreto che segue questa struttura prendendo proprio come spunto il nostro caso, lo Storytelling di Let’s Startup, che ogni settimana proponiamo nelle nostre stories di Instagram.

La nostra missione è di impartire ogni settimana ai nostri followers un insegnamento sul mondo startup. Per questo abbiamo creato un avatar, un ragazzo di nome “Gerry”(l’eroe) che ha il sogno di trovare “l’antico tesoro dello startupparo” (sfida). Per fare questo deve affrontare diverse sfide come “sconfiggere draghi” (antagonista), “scalare montagne”, ecc.

Gerry sarà in grado di superare questi ostacoli solo se i nostri followers (aiutante) saranno in grado di rispondere in modo corretto a delle domande in tema startup che riassumono i contenuti e gli insegnamenti affrontati in settimana.

I nostri seguaci si sono così affezionati al nostro avatar Gerry che, pur di fargli superare la sfida, rileggono i nostri post instagram e i nostri articoli per rispondere bene alla domanda che potrà segnare il destino del nostro eroe.

Come avete potuto notare, grazie a questo storytelling coinvolgiamo i nostri seguaci, creiamo legami con loro e li portiamo inconsciamente a imparare e a studiare facendoli al contempo divertire. Questo è il valore dello Storytelling: sfruttare delle storie per trasmettere messaggi e insegnamenti che possono rimanere a lungo nelle menti del nostro pubblico.

Esempio di Storytelling Let’s Startup
Il Gran Finale di uno Storytelling

Seguiamo sempre le regole spiegate nel paragrafo precedente. Ogni settimana decidiamo prima quale contenuto, utile per i nostri followers, voler trasmettere, veicoliamo insegnamenti sempre legati al tema delle startup e i nostri seguaci capiscono sempre in modo semplice cosa devono fare (rispondere a delle domande) per aiutare il nostro avatar. Non ci limitiamo a comunicare in modo diretto l’insegnamento ma sono proprio i nostri seguaci a doversi impegnare per trovare la soluzione.

E alla fine vissero tutti felici e contenti

Spero che con questo articolo tu abbia compreso non solo il potere dello Storytelling ma anche la sua complessità. Si, non è facile creare uno Storytelling efficace ed è assolutamente necessario che tu ne rispetti le regole e la struttura descritte in questo articolo.

Vorrei però concludere con una citazione del grande Storyteller Federico Buffa: “non accettare di raccontare storie che non senti”. Tutte le regole e i principi che ti ho insegnato in questo articolo, sono inutili se non si mette passione e non si ama la storia che si intende raccontare.

Cosa aspetti? Raccontaci la tua storia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *